luigi de giovanni

Visualizzazione post con etichetta firenze. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta firenze. Mostra tutti i post

venerdì 7 dicembre 2018

ORIZZONTI CONTIGUI anche Luigi De Giovanni a FIRENZE

ORIZZONTI CONTIGUI





GALLERIA D’ARTE MENTANA

Via della Mosca, 5r - FIRENZE

ORIZZONTI CONTIGUI

 Rassegna di Arti visive Contemporanee 2018 - 2019

A cura di

Giovanna Laura Adreani, Art Director

OPENING

Galleria d’Arte Mentana

Venerdì 14 Dicembre dalle ore 18.00

OPENING

Borghese Palace Art Hotel

Sabato 15 Dicembre dalle ore 19.00

ORIZZONTI CONTIGUI è il titolo della rassegna che verrà allestita nella città di Firenze nel periodo Natalizio. La mostra si estenderà su due prestigiosi spazi espositivi che, pur differenti tra loro, sotto il profilo della finalità, riescono a dialogare in nome dell’arte.

La storica Galleria d’Arte Mentana e il prestigioso Borghese Palace Art Hotel, struttura ricettiva quattro stelle, in questa occasione ospiteranno opere di artisti internazionali attentamente selezionati.

In questo modo il tempo e lo spazio si dilatano all’infinito inseguendo pensieri, colori e forme che, in fughe metaforiche, riportano al dialogo, per condurre un viaggio interiore ad un percorso espositivo che descriva puntualmente le tendenze artistiche contemporanee. Il clima si fa suggestivo e i cambiamenti repentini riescono ad esaltare l’omogeneità spirituale dell’intento delle due esposizioni. 

Giovanna Laura Adreani - Art Director

ARTISTI IN MOSTRA

Francesca Coli, Salvatore Magazzini, Bianca Vivarelli, Luigi De Giovanni, Julie Redivo, Rosario Bellante, Audrey Trani, Camilla Vavik Pedersen, Daria Gravilina, Carla Castaldo, Roberto Loreto, Wilma Mangani, Giampaolo Talani, Sergio Benvenuti, Salvatore Fiume, Mario Schifano, Riccardo Licata, Piero Dorazio, Ugo Nespolo, Emilio Tadini, Vittorio Tessaro, Antonio Corpora

Galleria d’Arte Mentana - Via della Mosca, 5r – Firenze

Borghese Palace Art Hotel - Via Ghibellina, 174r - Firenze

Telefono +39 055 211985                          Fax + 39 055211985 -                                                       335 Cell. + 39 3351207156

www .galleriamentana.it     

galleriamentana@galleriamentana.it





mercoledì 3 ottobre 2018

Il silenzio della solitudine di Luigi De Giovanni





Evento organizzato in occasione della 14 Giornata del Contemporaneo 
promossa da AMACI   
Il silenzio della solitudine di Luigi De Giovanni
A cura di: Federica Murgia - e20cult - Sutta Le Capanne du Ripa
Sutta le Capanne du Ripa Piazza del Popolo 21A e Studio 22 Piazza del Popolo 22 Specchia Lecce
Apertura Mostra: 
 13/10/2018 ore 10:00 

L’evento è organizzato in occasione della  14 giornata del contemporaneo promossa da AMACI

e20cult - Sutta Le Capanne du Ripa

13 /25 ottobre 2018
Allestimento: Architetto Stefania Branca
Il silenzio della solitudine porta l’artista a riannodare i fili dei suoi pensieri per ancorarli nella memoria e farli riemergere nel momento creativo in climi che raccontano dialoghi interiori: angosce esistenziali o ricerca di sprazzi di aspettative che necessitano d’essere fissate per uscire dai tormenti. Grovigli di sensazioni s’incrociano in racconti che trovano le linee conduttrici in garze che, ricoprendo antichi intrecci di canapa o fili del ricordo, suturano le ferite del tempo che ha deluso i sogni. Per l’artista la ricerca dell’Io si fa urgente in pennellate e segni che vogliono ammantare lo smarrimento creato dagli eventi. Così i fogli si riempiono di filati e colori: di storie che sgorgano accavallandosi e saldandosi precipitosamente sino trovare la conclusione in una catarsi che porta Luigi De Giovanni a sprofondare nei meandri dei suoi turbamenti per ritrovarsi in sensazioni di pacato rasserenamento e di sottile gioia di vivere. I racconti si librano e i fogli prendono vita su stenditoi che attraversano lo spazio seguendo il ritmo di una brezza di speranza che va oltre il tempo per dare, finalmente, voce al silenzio della solitudine. 
Attività collaterali
Alle ore 18:30 Reading poetico–letterario, degli autori de “Il Raggio Verde Edizioni, sul tema della solitudine. 
Per informazioni
-->





















sabato 3 marzo 2018

OTTOMARZO 2018

Home - De Giovanni Luigi pittore contemporaneo - Creazioni d'arte - Cagliari



FIRENZE
Piazza Mentana 2/3r - 50122(Fi)  Tel.
+39.055.211984

OTTOMARZO 2018
OPENING: Giovedì 8 Marzo 2018 ore 18:00
La mostra sarà visitabile fino alle ore 13:00 del 20 Marzo
2018

Questa esposizione è un viaggio nello
specifico mondo delle donne artiste, 
un mondo pieno di aspetti magici  che ci
raccontano l’amore con il quale 
narrano il loro vivere  quotidiano in parallelo
con la loro ricerca artistica.
Questa mostra è motivo di grande interesse culturale
poiché si leggono 
attraverso le opere le loro sensibilità ,valori artistici
e professionalità. 
Un sincero augurio e grazie di essere presenti.
Art Director, Giovanna Laura Adreani  

Artiste in Mostra:

LUCREZIA ANTENUCCI
ADRIANA ZAMPIERI CALADRINO 
FRANCESCA COLI 
BEATRICE COPPI
IDA COPPINI
ANNIE GHERI
LEDA GIANNONI
FRANCESCA GUETTA
MARGARET KARAPETIAN
JULIE REDIVO
LUISA  MEDAS 
PAOLA  NERI 
GLORIA PALLOTTA 
MONSE PLA 
CAMILLA VAVIK  PEDERSEN 
PATRIZIA PEPÈ 
ADRIANA SPATUZZA 
AUDREY TRAINI 
RAFFAELLA VERGOLINI  
BIANCA VIVARELLI 

ORARI 
Dalle 11:00 alle 13:00 / dalle 16:30 alle 19:30



lunedì 19 febbraio 2018

KIKUKO “Paesaggi immaginari”


GALLERIA D’ARTE MENTANA
Piazza Mentana 2/3r - 50122(Fi)  Tel. +39.055.211984
 www.galleriamentana.it - galleriamentana@galleriamentana.it
Mostra Personale dell’ artista
KIKUKO
 “Paesaggi immaginari”
OPENING
Giovedì 8 Marzo 2018  ore 18:00
ORARI
Dalle 11:00 alle 13:00 / dalle 16:30 alle 19:30
Domenica e lunedì mattina: chiuso
 La mostra sarà visitabile fino alle ore 13:00 del 22 Marzo 2018

Un benvenuto all’artista KIKUKO che presenta le sue ultime opere presso la galleria  d’arte Mentana di Firenze.
L’artista, nelle tracce lasciate dal suo pennello, ci fa conoscere e amare la sua bella pittura piena di poesia e vivacità intellettuale.
L’artista cattura le cromie smaglianti e le traspone nei suoi paesaggi immaginari.        Art director , Giovanna Laura Adreani
Sono nata a Kyoto in Giappone.  Sia mio nonno  che mio padre erano pittori di stile tradizionale giapponese. Disegnando immagini nel loro atelier ogni giorno, decisi nella mia infanzia che anch’io sarei dovuta diventare una pittrice. In realtà il mio primo approccio alla pittura ad olio avvenne mentre ero alunna delle scuole  elementari. In seguito, ho studiato all’accademia
e ho lavorato duro in Giappone. Tuttavia, ho voluto vedere altri mondi, così sono andata a Parigi. Ho vissuto a Parigi e a Kyoto e ho lavorato a Parigi. Ho visitato l’Europa e ho capito quanto meravigliosi siano  l’Europa e il Giappone. Infine sono stata in grado di trovare una originale commistione tra la pittura occidentale e quella giapponese. Vorrei guardare alla natura con un sentimento sempre più dolce da ora in poi, e continuare ad imparare e disegnare sempre di più.
Sono lieta di annunciare che le mie opere sono esposte a Tokyo (Giappone), Parigi (Francia) e Firenze (Italia).
Ho esposto  in mostre in Giappone, al Salon d’Automne di Parigi ed in Francia.
Ho esposto alla Biennale di Firenze in Italia nel 2009; 2011; 2013; 2015; 2017.
Nella Biennale di Firenze 2009  ho vinto il  5 ° Premio per opere su carta.
Ho esposto in mostre personali in Giappone e a Parigi (Francia).
Mostra personale presso la galleria d’arte Mentana di Firenze nel 2017 e 2018.


KIKUKO
Pastose tracce di colore rincorrono le linee del paesaggio donando impressioni che danno significato a campiture che emergono negli accordi di orizzonti che si smorzano per diventare essenza narrativa. Nelle sue opere l’artista interagisce con la religiosità che è propria dei luoghi dove trova l’afflato e ne segna sinteticamente le cose in combinazioni di colore che coinvolgono in un’affascinante compenetrazione nella natura. La pittura di Kikuko Uda si manifesta in un racconto d’ideale pittorico che, trovando ispirazione negli scorci che lasciano intuire panorami amati e diventati, poi, profili vedute, lascia trasparire il suo animo immalinconito in introspezioni che danno valore a una solitudine ricercata come sintesi di vita. Nei suoi dipinti si stagliano i verdi incupiti, dove s’intravvedono tocchi di frutti di speranza che prendono forma in intensi rossi smorzati. I gialli rosseggianti pare attendano i toni grevi dell’autunno. Macchie coloristiche che emergono in campiture che mantengono tracce di contaminazioni cromatiche che sono quelle proprie, dei luoghi che si amano. Il tempo che scorre con i suoi ritmi costanti è nelle linee di nostalgia rappresentata dai presagi dei climi dell’imbrunire che paiono essere presenti in tutti i momenti pittorici dell’artista capace di rendere i luoghi, in forme segnate dai silenzi della natura, intrisi di spiritualità.
                          Federica Murgia

Pasty traces of color chase the lines of the landscape giving impressions that
give meaning to background paintings that emerge in the horizons of agree-
ments that breaks to become essence narrative. In her works the artist inte-
racts with the religiosity that is typical of the places where she finds the ins-
piration and it synthetically marks things in color combinations that involve
a fascinating intermingling in nature. The painting by Kikuko Uda is mani-
fested in a tale of pictorial ideal that, finding inspiration in glimpses that hint
beloved landscapes and become, then, views profiles, reveals his soul for-
lorn in insights that give value to a sought solitude as a synthesis of life. In
her paintings the green darkened stands out, where glimpsed hints of fruits
of hope that take shape in intense red muted. Yellow seems reddish await the
autumn heavy tones. Coloristic spots emerging in background paintings that
retain traces of chromatic contaminations that are own of the places you love.
The passing time with its constant pace is in the nostalgic li-
nes represented by omens of nightfall climates that seem to be pre-
sent in all the artist’s pictorial moments capable of making the pla-
ces, in forms marked by the silence of nature, imbued with spirituality.
                                                                                                   
Federica Murgia